Targa ciclomotori PDF Stampa E-mail

 

La legge n.120/2010, entrata in vigore nel luglio 2010, ha stabilito che, a partire dal 1° giugno 2011, i ciclomotori (o microcar da città) circolanti, ancora muniti di contrassegno di identificazione (targhino di forma esagonale con codice alfanumerico a 5 cifre) e di certificato di idoneità tecnica rilasciati fino al 13 luglio 2006, per poter circolare su strada dovranno essere dotati della nuova targa quadrata (con codice alfanumerico a 6 cifre) e del certificato di circolazione contenente i dati di identificazione e costruttivi del veicolo, nonché quelli della targa e dell'intestatario.
La nuova targa è personale e abbinata ad un solo veicolo e pertanto non è possibile spostarla da un ciclomotore all'altro come accadeva in passato. il titolare trattiene la nuova targa in caso di vendita.  

Sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il Decreto 2 febbraio 2011 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che ha calendarizzato le operazioni di rilascio delle nuove targhe e dei certificati di circolazione stabilendo le seguenti scadenze:

  1. entro il 1° giugno 2011, per i ciclomotori muniti di contrassegno di identificazione la cui sequenza numerica inizia per "0", "1" e "2";
  2. entro il 31 luglio 2011, per i ciclomotori muniti di contrassegno di identificazione la cui sequenza numerica inizia per "3", "4" e "5";
  3. entro il 29 settembre 2011, per i ciclomotori muniti di contrassegno di identificazione la cui sequenza numerica inizia per "6", "7" e "8";
  4. entro il 28 novembre 2011, e comunque non oltre il 12 febbraio 2012, per i ciclomotori muniti di contrassegno di identificazione la cui sequenza numerica inizia per "9" e la cui sequenza alfanumerica inizia con la lettera "A".
La targatura può essere effettuata presso gli uffici della Motorizzazione Civile o presso agenzie di pratiche auto autorizzate.
Le sanzioni saranno applicate solo a partire dal 13 febbraio 2012 poiché entro il 12 febbraio 2012 dovranno essere concluse le operazioni di ritargatura.
Dal 13 febbraio 2012 la mancata ritargatura dei ciclomotori in circolazione comporterà una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 389 a auro 1559. 

Sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il Decreto 2 febbraio 2011 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che ha calendarizzato le operazioni di rilascio delle nuove targhe e dei certificati di circolazione stabilendo le seguenti scadenze:

1)    entro il 1° giugno 2011, per i ciclomotori muniti di contrassegno di identificazione la cui sequenza numerica inizia per "0", "1" e "2";

2)    entro il 31 luglio 2011, per i ciclomotori muniti di contrassegno di identificazione la cui sequenza numerica inizia per "3", "4" e "5";

3)    entro il 29 settembre 2011, per i ciclomotori muniti di contrassegno di identificazione la cui sequenza numerica inizia per "6", "7" e "8";

4)    entro il 28 novembre 2011, e comunque non oltre il 12 febbraio 2012, per i ciclomotori muniti di contrassegno di identificazione la cui sequenza numerica inizia per "9" e la cui sequenza alfanumerica inizia con la lettera "A".

La targatura può essere effettuata presso gli uffici della Motorizzazione Civile o presso agenzie di pratiche auto autorizzate.
Le sanzioni saranno applicate solo a partire dal 13 febbraio 2012 poiché entro il 12 febbraio 2012 dovranno essere concluse le operazioni di ritargatura.
Dal 13 febbraio 2012 la mancata ritargatura dei ciclomotori in circolazione comporterà una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 389 a auro 1559.