Itinerari Turistici
Il Giardino Bonazzi PDF Stampa E-mail



I Giardini pubblici di Ostiglia già vincolati da tutela paesistica con decreto ministeriale del 3 gennaio 1952 sono stati recentemente risistemati. Essi comprendono il Giardino Storico Bonazzi di 6000 mq (annesso al Palazzo Comunale costruito nel 1783) ed il Giardino Pubblico adiacente di 7800 mq. Numerose sono le piante legnose presenti: 145 quelle censite nel corso della riqualificazione, e di queste alcune di notevole pregio storico e monumentale.

Nell'anno scolastico 2012-2013 la classe 3T Liceo Scienze Applicate dell' IS Galilei  di Ostiglia ha realizzato un viaggio virtuale nel Giardino Bonazzi approfondendo gli aspetti architettonici, botanici e storici.

Scarica il file interattivo

 
Paludi di Ostiglia PDF Stampa E-mail

La riserva naturale PALUDI DI OSTIGLIA comprende la fascia palustre della Valle del Busatello rientrante entro i confini regionali lombardi. La valle che si estende per circa 2 km in direzione NORD-SUD compresa tra la confluenza dei fiumi Tione e Tartaro ed il Canal Bianco, e situata al confine tra le Province di Mantova e Verona, sui territori comunali di Ostiglia e Gazzo Veronese.

Il corso d'acqua Busatello fu realizzato artificialmente a scopi irrigui ed era già operante nel XVIII sec. Le variazioni strutturali della valle nel corso dei secoli, dovute in gran parte alle consistenti opere di bonifica, l’hanno trasformata in un'area unica nel suo genere sia dal punto di vista morfologico che idrologico per il suo attuale stato di pensilità nei confronti dei terreni circostanti. L'ecosistema acquatico, dell'estensione di circa 80 ettari, ospita una magnifica vegetazione palustre con assoluta prevalenza di cariceto e canneto. Girando al suo interno, si possono inoltre ammirare almeno 19 specie diverse nidificanti di uccelli, tra cui il migliarino di palude, L’usignuolo, la cannaiola e l’airone rosso. In autunno la riserva è sfruttata da migliaia di storni come dormitorio collettivo. Il Busatello merita una visita attenta e non affrettata della durata di almeno due ore.

Vai al Sito della Palude
Altro sito della Palude di Ostiglia 

 
Fiume Po e Isola Boschina PDF Stampa E-mail

DICHIARAZIONE DI IMPEGNO PER LA GESTIONE COMUNE DELLA RISERVA NATURALE ISOLA BOSCHINA TRA ERSAF E COMUNE DI OSTIGLIA
Il documento è stato sottoscritto il 27 settembre 2015 in occasione della riapertura ufficiale della Riserva, fruibile al pubblico dopo il sisma del 2012 e in seguito a manuntenzione straordinaria.

In occasione della Festa dell’Isola Boschina del 27 settembre 2015 ERSAF, in qualità di Proprietario ed Ente Gestore della Riserva Naturale Regionale Isola Boschina, rappresentata dal Presidente Elisabetta Parravicini e il COMUNE DI OSTIGLIA, rappresentato dal Sindaco Valerio Primavori
RICHIAMATA la “Carta delle Foreste di Lombardia – Per una gestione sostenibile e durevole delle Foreste e degli Alpeggi Demaniali Regionali” sottoscritta in data 27 ottobre 2004 dal Presidente di Regione Lombardia e dal Presidente ERSAF, con il coordinamento della Direzione generale Agricoltura e condivisa dal Comune di Ostiglia in data 21 ottobre 2005, che identifica le finalità ed i principi di gestione delle Foreste di Lombardia;
VERIFICATE le intenzioni dei due Enti nelle fasi di incontri succedutesi nel corso del 2015;
RICONOSCIUTA la necessità, in un’ottica di sussidiarietà, di attuare una reciproca collaborazione per la valorizzazione della Riserva Naturale Isola Boschina, come patrimonio forestale ed ambientale regionale per la fruizione dei cittadini lombardi;
SI IMPEGNANO A sottoscrivere un accordo di collaborazione per la valorizzazione della Riserva, con particolare attenzione ai seguenti aspetti:
Gestione della Riserva e delle sue strutture;
Sviluppo di programmi di valorizzazione ed educazione ambientale e della conservazione dell’ambiente e del paesaggio naturale;
Coinvolgimento degli abitanti, agricoltori e associazioni locali operanti nel territorio, promuovendone la partecipazione e la collaborazione;
Sviluppo di progetti e studi di valorizzazione della Riserva (progetti comunitari, accordi territoriali, studi di fattibilità per l’accesso all’isola, ecc.);
Promozione, nelle modalità che verranno definite, del Contratto di Foresta che sarà eventualmente sottoscritto con i soggetti pubblici e privati del territorio.

Vedi le immagini della Piena del Po